politica

Una proposta liberale per l’Italia e per l’Europa di domani

Dopo la Brexit, ci avevano detto che i cittadini europei avrebbero premiato i partiti populisti e nazionalisti. Per fortuna, la storia recente di questi ultimi mesi ha dimostrato che il pericolo della deriva populista e nazionalista è scampato. Quanto meno l’hanno scampato i cittadini di paesi come Francia, Danimarca, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Finlandia, Slovenia ed Estonia, dove i partiti populisti hanno registrato una battuta d’arresto e dove i partiti liberali hanno incrementato la loro rappresentanza politica.

Da Mark Rutte, che con il suo VVD (Partito Liberale per la Libertà e la Democrazia) ha vinto le ultime elezioni dei Paesi Bassi (marzo 2017), al forse troppo citato e sbandierato Emmanuel Macron, l’Europa si è riscoperta liberale e sembra avere individuato nel liberalismo la ricetta politica per per superare l’attuale stato di crisi e completare quel percorso, ideato ed avviato da Luigi Einaudi, che porterà alla costituzione degli “Stati Uniti d’Europa”.

Nel Bel Paese, alla vigilia della elezioni regionali siciliane e della corsa a Montecitorio, i partiti sono in pieno fermento: i 5 stelle incoronano Di Maio capo politico del “non partito”, con una ridicola consultazione telematica interna e poco più di trentamila partecipanti al voto, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia fanno in Sicilia le prove tecniche per la presentazione di un listone unico alle prossime politiche ed il PD renziano, sempre più in difficoltà, è costretto a fare i conti con una fronda interna, tanto debole nei numeri quanto efficace per tenere basso il morale collettivo del partito e far perdere consensi.

In questo contesto, il partito dell’astensionismo rischia di aumentare ancora di più la propria percentuale di “consenso”. L’obiettivo vincente, per una nuova formazione politica, è quello di conquistare quel “consenso” e portare nuovamente al voto chi ha deciso di astenervisi.

LiberaItalia nasce per dare risposte concrete, serie ed attuabili ai problemi che attanagliano l’Italia e che l’hanno ridotta a fanalino di coda di un’Europa a trazione tedesca. Il debito pubblico, la crescita stentata del PIL, la farraginosa burocrazia e la lentezza e l’iniquità della Giustizia italiana sono solo i principali problemi per i quali LiberaItalia propone soluzioni concrete e sostenibili.

Rotti gli indugi, il 23 settembre 2017, il percorso politico è stato avviato con la presentazione/deposito del simbolo all’Ufficio Elettorale Centrale della Regione Siciliana, per le prossime elezioni regionali siciliane. Probabilmente, si sceglierà di non presentare le liste provinciali ma il primo passo è compiuto.

LiberaItalia nasce con una forte visione europeista, aderisce all’ALDE (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa) ed a Liberal International, la federazione mondiale di partiti politici liberali.

il 28 settembre 2017 si riunirà a Roma, per la prima volta, l’Assemblea Nazionale di LiberaItalia, per eleggere i propri organi rappresentativi, con la speranza che anche l’Italia, come l’Europa, si svegli sempre più liberale.

Viva l’Italia, viva l’Europa.

Facebook Comments

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *